Ricomincia la scuola: riprendiamo l’abitudine di una buona prima colazione

News

L’ importanza di una prima colazione “corposa” nasce da reali esigenze metaboliche spesso dimenticate. E’ quanto ci ricorda l’Agricola Vallepiana, nella persona del titolare dott. Gioacchino Majone, appassionato allevatore e produttore del latte Fresco di Alta Qualità VALLEPIANA.

Infatti la prima colazione risponde a due esigenze fondamentali per gli studenti di ogni ordine e grado: fornire la giusta energia a prima mattina per affrontare bene la prima parte della giornata, evitare l’acquisto veloce e poco accorto di prodotti conservati ed ipercalorici nei distributori spesso presenti nelle scuole.

Un’ indagine di qualche anno fa, proprio in Provincia di Salerno, mise in evidenza che oltre il 30% dei ragazzi dai 6 ai 12 anni NON fanno proprio colazione, mentre il 50% prende solo “qualcosa” e molto velocemente!

Tutto ciò è sbagliato visto che dopo 10 ore di sonno è fondamentale assumere le giuste calorie e la giusta energia per affrontare una mattinata in cui l’attenzione e l’impegno sono fondamentali. E’ inoltre dimostrato che l’80% delle calorie assunte di mattina vengono metabolizzate e non contribuiranno mai ad aumentare le riserve di grasso.

Senza arrivare agli eccessi delle popolazioni Americane che a colazione assumono di tutto, dalla carne alle patate, dai funghi ai pomodori, è fondamentale una buona colazione fatta di carboidrati e proteine.

Non vi è nulla di meglio che almeno 200 gr di LATTE FRESCO non freddo, una fetta biscottata o un biscotto “semplice” con un cucchiaio di marmellata.

Si assumeranno le giuste calorie, gli zuccheri semplici ma soprattutto le proteine nobili del latte senza dimenticare almeno la metà del fabbisogno giornaliero  di calcio. Calcio che nel latte è nella forma meglio assimilabile accompagnato dalla fondamentale vitamina D essenziale per la fissazione dello stesso nelle ossa in accrescimento.

Il Latte dovrà essere INTERO quindi pieno delle fondamentali VITAMINE (A , D E , K) che essendo liposolubili, si trovano appunto nel grasso del latte ;per questo è fondamentale  che il latte sia INTERO e che nessuno si lamenti delle 40 calorie assunte in più rispetto ad un latte parzialmente scremato!.

Infatti troppo spesso viene consigliato il latte PS dimenticando che si “risparmiano” solo 20 calorie ogni 100 gr e si perdono freschezza, bontà e soprattutto vitamine.

Torniamo ai bei tempi utilizziamo alimenti semplici, naturali e genuini ed il LATTE FRESCO di ALTA QUALITA’ è quello che più si avvicina di più al latte appena munto proprio perché ad origine CERTA e che ha subìto il più blando trattamento termico (75 gradi di riscaldamento per pochi secondi), ricordandoci che una merendina o una bevanda ipercalorica contengono oltre 280 calorie ogni 100 gr contro le 60 del latte fresco di ALTA QUALITA’!

 

                                                                        

Gioacchino Majone

Pubblicato in News